Presentazione del libro "CHIASSOVEZZANO. UNA CASA E UNA FAMIGLIA TEMERARIA IN TEMPO DI GUERRA"
favorite_border
25 Jan 18:30
Until 25 Jan, 20:00 1h 30m

Presentazione del libro "CHIASSOVEZZANO. UNA CASA E UNA FAMIGLIA TEMERARIA IN TEMPO DI GUERRA"

In occasione della Giornata della Memoria, Biblioteca Ostinata vi invita alla presentazione del libro di Piero Dorfles, giornalista, critico letterario e curatore per la Rai di diversi programmi radiofonici e televisivi tra cui Il baco del millennio e La banda. Per vent’anni ha affiancato i conduttori della fortunata trasmissione Per un pugno di libri su Rai3.

Con lui dialogheranno Cristina Battocletti, scrittrice e giornalista, e Alberto Rollo, scrittore, saggista e critico letterario.

Nella Trieste della metà del Novecento quella dei Dörfles è una delle tante famiglie ebraiche assimilate, intensamente partecipe della vita culturale e civile della città. Giorgio – futuro padre di Piero – si converte e sposa Alma, e con lei rimane in città cercando di svolgere il suo lavoro di avvocato. Anche Gillo, con la moglie Lalla, continua la sua vita di viaggi e di incontri, ma si ritira in Toscana, perché le leggi razziali, la cui promulgazione Mussolini sceglie di annunciare proprio a Trieste, impediscono ai Dörfles di svolgere il loro lavoro.

Nel 1943, con l’armistizio e l’occupazione militare tedesca, la fuga si fa inevitabile. È da quel momento che la tenuta di Chiassovezzano, nel comune di Lajatico, tra Pisa e Volterra, diventa il rifugio di questa particolare famiglia. Piero Dorfles – il cui cognome ha perso la Umlaut durante le vicissitudini narrate nel libro – sceglie di rievocare quei mesi terribili attraverso il racconto della casa di Chiassovezzano, delle sue stanze piene di storia e di storie, del suo giardino, degli scantinati usati come rifugi antiaerei, della pantera nera che ne è il simbolo un po’ misterioso: perché ogni cosa, in quel luogo, parla di chi lo ha scelto e abitato. “Ma nessun eroismo, in famiglia. Sconsideratezza, una buona dose di incoscienza. Il termine che mi sembra più adatto è quello di temerarietà.”

Scan QR Code

I commenti sono chiusi.