Menu
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
Menu
Menu
Eventi
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
BIBLIOTECA DI QUARTIERE
Presentazione del libro "CHIASSOVEZZANO. UNA CASA E UNA FAMIGLIA TEMERARIA IN TEMPO DI GUERRA"
favorite_border
25 Jan 18:30
Until 25 Jan, 20:00 1h 30m

Presentazione del libro "CHIASSOVEZZANO. UNA CASA E UNA FAMIGLIA TEMERARIA IN TEMPO DI GUERRA"

In occasione della Giornata della Memoria, Biblioteca Ostinata vi invita alla presentazione del libro di Piero Dorfles, giornalista, critico letterario e curatore per la Rai di diversi programmi radiofonici e televisivi tra cui Il baco del millennio e La banda. Per vent’anni ha affiancato i conduttori della fortunata trasmissione Per un pugno di libri su Rai3.

Con lui dialogheranno Cristina Battocletti, scrittrice e giornalista, e Alberto Rollo, scrittore, saggista e critico letterario.

Nella Trieste della metà del Novecento quella dei Dörfles è una delle tante famiglie ebraiche assimilate, intensamente partecipe della vita culturale e civile della città. Giorgio – futuro padre di Piero – si converte e sposa Alma, e con lei rimane in città cercando di svolgere il suo lavoro di avvocato. Anche Gillo, con la moglie Lalla, continua la sua vita di viaggi e di incontri, ma si ritira in Toscana, perché le leggi razziali, la cui promulgazione Mussolini sceglie di annunciare proprio a Trieste, impediscono ai Dörfles di svolgere il loro lavoro.

Nel 1943, con l’armistizio e l’occupazione militare tedesca, la fuga si fa inevitabile. È da quel momento che la tenuta di Chiassovezzano, nel comune di Lajatico, tra Pisa e Volterra, diventa il rifugio di questa particolare famiglia. Piero Dorfles – il cui cognome ha perso la Umlaut durante le vicissitudini narrate nel libro – sceglie di rievocare quei mesi terribili attraverso il racconto della casa di Chiassovezzano, delle sue stanze piene di storia e di storie, del suo giardino, degli scantinati usati come rifugi antiaerei, della pantera nera che ne è il simbolo un po’ misterioso: perché ogni cosa, in quel luogo, parla di chi lo ha scelto e abitato. “Ma nessun eroismo, in famiglia. Sconsideratezza, una buona dose di incoscienza. Il termine che mi sembra più adatto è quello di temerarietà.”

Scan QR Code
info@bibliotecaostinata.com